Prof. Francesco Caracciolo

Caracciolo Francesco  

 
Caracciolo Francesco: pubblicazioni, riconoscimenti, attività scientifica, articoli web, premi letterari. Le pubblicazioni concernono immigrazione, industrializzazione, integrazione europea, criminalità organizzata, università, Mezzoggiorno.
Home Opere Pubblicate Articoli Web News Link Contatti
Menu
  » Opere pubblicate
  » Articoli Web
  » News
  » Link
  » Contatti
  » www.lulu.com

novità

saggio
acquista su ilmiolibro.it
acquista su lulu.com


saggio
acquista su ilmiolibro.it
acquista su lulu.com

Saggio
acquista su lulu.com

acquista su ilmiolibro.it

Saggio
acquista su lulu.com

acquista su ilmiolibro.it

Saggio
acquista su lulu.com
acquista su ilmiolibro.it

Saggio
acquista su lulu.com
acquista su ilmiolibro.it
leggi di più

Saggio
Acquista su ilmiolibro.it
Acquista su lulu.com

Saggio
Acquista su ilmiolibro.it
Acquista su lulu.com

Romanzo
Acquista su ilmiolibro.it
Acquista su lulu.com

Saggio
Acquista su ilmiolibro.it
Acquista su lulu.com

Saggio
Acquista su ilmiolibro.it
Acquista su lulu.com

Saggio
Acquista su ilmiolibro.it
Acquista su lulu.com

Saggio
Acquista su ilmiolibro.it
Acquista su lulu.com

Saggio
Acquista su ilmiolibro.it
Acquista su lulu.com

Saggio
Acquista

Saggio
Acquista su ilmiolibro.it
Acquista su lulu.com

Romanzo
Acquista su ilmiolibro.it
Acquista su lulu.com


versione integrale
Acquista

onorata società versione ridotta

versione ridotta
Acquista su ilmiolibro.it
Acquista su lulu.com

come muore una civilta

Acquista

 

 

   


         FACEBOOK
- diffusione libri
         FACEBOOK - pagina personale dell'autore
         FORUM ATTUALITA' E CULTURA - http://freeforumzone.leonardo.it/forum.aspx?c=189920&f=189920
         SITO ALTERVISTA - http://www.fc123.altervista.it
         SITO WEBNODE - http://www.francescocaracciolo.webnode.it
         FORUM LIBRI E ARTICOLI - http://phpbb.forumgratis.com/?mforum=libriearticoli
         INDIRIZZI PUBBLICAZIONI ON LINE - ilmiolibro;      lulu.com

 


Francesco Caracciolo


Francesco Caracciolo
ha insegnato Storia Moderna e, poi, Storia Economica in qualità di professore ordinario e ha diretto l'Istituto di Storia Economica e Sociale della Facoltà di Economia dell'Università di Messina.

Si è avvalso del riconoscimento del Ministero della Pubblica Istruzione e del Consiglio Nazionale delle Ricerche e anche con l'apporto dei loro contributi ha svolto attività scientifica in Italia e in diversi Paesi europei. Per anni ha condotto ricerche specialmente in Spagna, in particolare nell'Archivo General di Simancas, nella Repubblica Federale di Germania, presso l'Istituto di Storia Economica e Sociale della Facoltà di Economia dell'Università di Colonia, e in Inghilterra, nel British Museum di Londra e nella Bodleian Library di Oxford.

È rimasto a lungo in Germania e ha continuato a svolgere il lavoro da tempo intrapreso e condotto, tra l'altro, nel Rheinisch-Westfalisches Wirtschafts Archiv di Köln, avendo avuto il sostegno dell'Alexander von Humboldt Stiftung e, in essa, la veste di Forschungsstipendiat. Ha approfondito temi, tra l'altro, sulla rivoluzione industriale nei Paesi europei second comers e negli Stati Uniti d'America, sulla crisi dell'Occidente e sul processo di industrializzazione in Renania.

In Italia ha insegnato Storia Moderna e, poi, Storia Economica in qualità di professore ordinario.

È andato intanto stendendo e pubblicando decine di saggi e di articoli su riviste scientifiche italiane ed estere, come "Nuova Rivista Storica", "Historische Zeitschrift", "Clio", "Quaderni Contemporanei", "Archivio Storico", "Rassegna di Cultura", "La Calabria", "Ricerche di Storia Sociale".

Fornendo anche il proprio apporto scientifico in qualità di relatore, ha organizzato un convegno internazionale "Mezzogiorno e Italia nell'Europa del 1992", che si è tenuto nel 1991 e di cui ha curato gli atti pubblicati nel 1992. È stato relatore in numerosi altri convegni, come "Credito e sviluppo economico in Italia", "Quale mercato per quale Europa", "Terranova tra passato e presente". Ha trattato i temi più diversi nei suoi numerosi lavori, ultimi dei quali sono "Come muore una civiltà e come sta morendo la nostra" (2008, 2013), "Onorata società e società onorata, (ed. integrale)" (2009), Onorata società e società onorata (ed. ridotta)" (2009), "Mali estremi" (2010), "L'integrazione dell'arcipelago migratorio in Occidente" (2010, 2013), "La congiura antispagnola di Tommaso Campanella: delatori e persecutori" (2011), "Banditi, baroni viceré nel regno di Napoli in età moderna" (2011), "Banditismo nel Mezzogiorno d'Italia tra Rinascimento e Barocco" (2012), Fossa, imprenditoria e aumento della produzione nel seicento. Un caso indicativo (2012).

Si è cimentato anche nella narrativa scrivendo un romanzo storico "Fabio e la fine di un sogno" pubblicato nel 2009 e un romanzo ambientato nel Mezzogiorno d'Italia nei primi decenni del novecento "Cattiva Stella", pubblicato nel 2013.

Nel 2014 sono usciti due suoi altri volumi: "Satire e poemetti su vicende, consorterie e protetti", di pagine 108 e "Canti", di pagine 124.

Ha ricevuto premi letterari nel 1975, nel 1985 e nel 1994. I suoi lavori di vario contenuto concernono il Mezzogiorno d'Italia nell'età moderna, i progressi economici e industriali di alcuni Paesi europei e degli Stati Uniti d'America, i profondi mutamenti in particolari aree nel secolo XIX, il processo di integrazione dell'Europa comunitaria, le origini, la costituzione e il carattere della criminalità organizzata e la sua connessione con la società civile, la crescita economica e l'immigrazione in Occidente, il conseguente sconvolgimento sociale, l'integrazione dei nuovi venuti, la sorte della civiltà occidentale, l'Italia e l'afflusso di migranti dal 1970 al 2015, le sfortunate avventure di un giovane idealista, vicende, luci e ombre nella società di due cittadine calabresi nei primi decenni del novecento, misteriose carriere di particolari individui, intrighi di consorterie, l'uomo e l'universo cantati in numerosi componimenti poetici.

Bibliografia:

 

Articoli recenti:

 

  • La difesa dei propri valori: diritto o peccato? L’Italia e l’Europa possono delegarla?
    È bello e sublime salvare vite umane. È utile farlo e vantarsene, come ha fatto per anni il ministro dell’Interno Alfano e come hanno fatto e fanno altri membri del governo e rappresentanti delle istituzioni ottenendo il patrocinio del Pontefice, la totale approvazione di cardinali, il plauso degli ecclesiastici e il consenso delle anime pie e di politici e laici in carriera e in affari.
    È bello e sublime salvare dieci, cento, mille vite umane, accogliere i salvati o restituirli, in parte, alle loro famiglie e ai loro paesi. Ma se le vite da salvare sono decine e centinaia di migliaia di gente che [...]
    Continua a leggere

  • Immigrati e disoccupati
    Per dare un’idea del profondo mutamento demografico che si sta verificando nei Paesi occidentali, osserviamo quanto è avvenuto e sta avvenendo in uno solo di essi. Il caso che osserviamo è indicativo di ogni altro. Il Paese europeo senza colonie dopo la seconda guerra mondiale e ultimo a importare immigrati per soddisfare le esigenze della crescita economica e del capitale concentrato in poche famiglie, fu l’Italia.
    Continua a leggere ...

  • Brigantaggio e rapporti sociali nel Mezzogiorno d’Italia prima e dopo l’Unità nazionale
    È utile occuparsi del brigantaggio nel Sud d’Italia dopo l’Unità nel 1861 e della repressione cieca che ne fece il governo italiano partendo dall'esame del banditismo e della repressione che afflissero il Sud nel Cinquecento e nel Seicento.
    Continua a leggere ...

  • Onorata società e società onorata
    I fatti delittuosi e i rapporti di mafiosi, ‘ndranghetisti e camorristi con gestori delle istituzioni e con affaristi sono il contenuto di libri e di scritti talora di successo.
    Continua a leggere ...

  • Ius soli, accoglienza e convivenza
    Quanto avviene oggi in Italia e l’invasione che sta subendo il Paese rendono estremamente gravi e inaccettabili le inaudite proposte avanzate da membri delle istituzioni, come la ministra Kyenge, e le sciolte e spensierate tesi sostenute da politicanti e detentori di cariche pubbliche, come l’onorevole Boldrini.
    Continua a leggere ...

  • L'integrazione dell'arcipelago migratorio in Occidente
     "... La promiscuità di tanti individui della più diversa provenienza e gli inconvenienti che provoca fanno nascere negli ospitanti il dubbio di trovarsi ancora nella terra dei propri avi, nel paese in cui sono nati e cresciuti ...
    Continua a leggere ...

  • Integrazione - Ius soli
    L’applicazione del principio dello IUS SOLI, tanto caro a immigrati di ogni genere e razza, a politicanti e a prelati, sarebbe l’inizio della fine di quel che resta della società, della civiltà, dei costumi e delle tradizioni dell’Italia e dell’intero Occidente.
    Continua a leggere ...

  • Lo ius soli ovvero il diritto di chi nasce in Italia di essere cittadino italiano anche se figlio di genitori non italiani
    Il principio dello ius soli è applicato nei Paesi poco popolati e con grandi spazi vuoti ed estese terre incolte. Fino ai primi decenni del Novecento gli Stati del Continente americano compresi gli Stati Uniti furono Paesi poco popolati con immensi territori da coltivare.
    Continua a leggere ...

  • Lo ius soli e i progetti e i comizi della ministra Kyenge
    Il 29 luglio 2013, a Cantù, la ministra dell’integrazione Kyenge interviene in consiglio comunale e, poi, alla festa del partito democratico. Al suo ingresso nella sala consiliare alcuni consiglieri si allontanano.
    Continua a leggere ...

  • Legge vecchia e tempi nuovi. La Costituzione italiana e lo straniero
    Si è verificato oggi, 14 settembre 2013, l’ennesimo afflusso di immigrati. In 24 ore, circa 500 profughi e non, provenienti dalla Siria, sbarcarono sulle coste della Calabria e della Sicilia. Due giorni dopo ne seguirono altri mille provenienti dall’Africa. Si aggiungono ai milioni di altri immigrati che sono già sul territorio italiano, giunti da ogni parte del mondo.
    Continua a leggere ...


Vuoi sapere che folle corsa ha fatto l'Italia accogliendo e ospitando fino a riempire le sue città e le sue contrade di immigrati di ogni provenienza, di diverse etnie e di decine di fedi religiose (20 a Milano)? Leggendo questo libro potrai scoprire che cosa si sarebbe potuto e dovuto fare e si potrebbe fare e non si è fatto e si è continuato a non fare. Potrai pure scoprire con quale leggerezza e superficialità e indifferenza si è giunti quasi al collasso.

 

"[...] Dal 2013 era divenuto sempre più evidente l'esigenza di fermare il continuo afflusso di migranti. Con o senza la collabotazione e l'assenso dell'Europa, l'Italia avrebbe dovuto fermarlo a tutti i costi per difendersi, anche contro la condanna dell'Onu e dell'Ue. E' superfluo dire che avrebbe dovuto smettere di raggiungere i migranti fin sulle coste dell'Africa per accoglierli, selezionarli e, in parte, espellerli, perché il costo di quella generosità era enorme, insopportabile, e avrebbe presto prodotto lo sconvolgimento sociale e il collasso del Paese, il dissesto del suo bilancio e l'esaurimento delle sue risorse [....]".

"[...] Era chiaro che l’Italia doveva salvarsi, se potesse ancora farlo. Non potendo contare sull’apporto di altri Stati, dovrebbe agire da sola mobilitando tutte le sue forze e rompere i lacci giuridici che si era legati al collo. Per fermare la deriva e impedire la totale invasione e non potendo intervenire usando la forza per attaccare, l'Italia dovrebbe bloccare ogni accesso, respingere chiunque dal suo territorio e rinviare ai libici le persone che, bontà loro, spingevano gratuitamente verso la meta agognata e restituire ad ogni altro Stato i suoi cittadini e i suoi ospiti sorpresi nel Mediterraneo a viaggiare in direzione della terra promessa [...]"

Acquista il libro "La folle corsa" cliccando qui: acquista su ilmiolibro.it   oppure    acquista su lulu.com

Leggi di più sul libro

Leggi di più sugli ebook