Prof. Francesco Caracciolo

"www.francescocaracciolo.it"  

 
Home Opere Pubblicate Articoli Web News Link Contatti
Menu
  » FACEBOOK
  » FORUM attualità e ...
  » SITO amico
  » FACEBOOK dell'autore
  » FORUM libri e ...
  » SITO webnode
  » La folle corsa - libro
 

» La folle corsa - ebook

  » L'Integrazione dell'<<arcipelago migratorio>> in Occidente - Seconda Edizione riveduta
  » Mali estremi
  » Come muore una civiltà e come sta morendo la nostra - Seconda Edizione riveduta
  » Canti
  » Satire e poemetti
  » Cattiva Stella
  » Fossa
  » Banditismo nel Mezzogiorno d'Italia tra Rinascimento e Barocco
  » Banditi, baroni viceré nel regno di Napoli in età moderna
  » La congiura antispagnola di Tommaso Campanella: delatori e persecutori
  » L'integrazione
  » Fabio
  » Onorata società e società onorata
  » Come muore una civiltà e come sta morendo la nostra
  » Decadenza e immigrazione
  » Mezzogiorno moderno e capitalismo
  » Miseria della mafiologia
  » Mezzogiorno e Italia nell'Europa del 1992
  » Sud, debiti e gabelle
  » Il processo di industrializzazione
  » Uffici, difesa e corpi rappresentativi nel Mezzogiorno in età spagnola
  » Il regno di Napoli nei secoli XVI e XVII

 


Sud, debiti e gabelle


Francesco Caracciolo: Sud, debiti e gabelle

L'esame del rapporto tra fisco e contribuenti induce a constatare la profonda trasformazione che si verifica nella composizione e nei connotati della società del Sud d'Italia all'inizio dell'età moderna tra XVI e XVII secolo.
Aumenta la popolazione e, con l'inflazione monetaria, cresce il divario tra le classi sociali. Il maggiore potere acquisito dai detentori di beni genera un trasferimento del prelievo fiscale dalle imposte dirette su redditi e possessi immobiliari alle imposte indirette gravanti sul consumo specie di generi di prima necessità. Il maggiore gettito che si ottiene è però in realtà del tutto insufficiente a colmare il generaledisavanzo che si è creato nei bilanci cittadini e a estinguere gli ingenti debiti che si sono accumulati in diversi decenni nei conti pubblici delle terre e nelle città di ogni dimensione.