Prof. Francesco Caracciolo

"www.francescocaracciolo.it"  

 
Home Opere Pubblicate Articoli Web News Link Contatti
Menu
  » FACEBOOK
  » FORUM attualità e ...
  » SITO amico
  » FACEBOOK dell'autore
  » FORUM libri e ...
  » SITO webnode
  » La folle corsa - libro
 

» La folle corsa - ebook

  » L'Integrazione dell'<<arcipelago migratorio>> in Occidente - Seconda Edizione riveduta
  » Mali estremi
  » Come muore una civiltà e come sta morendo la nostra - Seconda Edizione riveduta
  » Canti
  » Satire e poemetti
  » Cattiva Stella
  » Fossa
  » Banditismo nel Mezzogiorno d'Italia tra Rinascimento e Barocco
  » Banditi, baroni viceré nel regno di Napoli in età moderna
  » La congiura antispagnola di Tommaso Campanella: delatori e persecutori
  » L'integrazione
  » Fabio
  » Onorata società e società onorata
  » Come muore una civiltà e come sta morendo la nostra
  » Decadenza e immigrazione
  » Mezzogiorno moderno e capitalismo
  » Miseria della mafiologia
  » Mezzogiorno e Italia nell'Europa del 1992
  » Sud, debiti e gabelle
  » Il processo di industrializzazione
  » Uffici, difesa e corpi rappresentativi nel Mezzogiorno in età spagnola
  » Il regno di Napoli nei secoli XVI e XVII

 


Mezzogiorno moderno e capitalismo


Fracesco Caracciolo: Mezzogiorno moderno e capitalismo.


Il ricorso alla coltivazione di terre prima incolte fa crescere notevolmente la produzione e l'effettiva esportazione di prodotti agricoli nelle province del Mezzogiorno d'Italia durante il Seicento.
La crescita della produzione e dell'esportazione incrementano i redditi di baroni e di grandi proprietari e rendono possibile un'ingente accumulazione di capitali che, però, in massima parte, sono tesoreggiati o destinati ai consumi delle famiglie più ricche e potenti.
Questa ricostruzione è il risultato di accurate ricerche e dell'analisi di dati contenuti in molti documenti inediti tratti a diversi archivi italiani ed europei.
Emerge una tesi che contrasta con quelle finora prevalenti , secondo le quali l'economia attraversò allora una grave e prolungata crisi, che si manifestò nella diminuzione della produzione, dell'esportazione e della ricchezza.