Prof. Francesco Caracciolo

"www.francescocaracciolo.it"  

 
Home Opere Pubblicate Articoli Web News Link Contatti
Menu
  » FACEBOOK
  » FORUM attualità e ...
  » SITO amico
  » FACEBOOK dell'autore
  » FORUM libri e ...
  » SITO webnode
  » La folle corsa - libro
 

» La folle corsa - ebook

  » L'Integrazione dell'<<arcipelago migratorio>> in Occidente - Seconda Edizione riveduta
  » Mali estremi
  » Come muore una civiltà e come sta morendo la nostra - Seconda Edizione riveduta
  » Canti
  » Satire e poemetti
  » Cattiva Stella
  » Fossa
  » Banditismo nel Mezzogiorno d'Italia tra Rinascimento e Barocco
  » Banditi, baroni viceré nel regno di Napoli in età moderna
  » La congiura antispagnola di Tommaso Campanella: delatori e persecutori
  » L'integrazione
  » Fabio
  » Onorata società e società onorata
  » Come muore una civiltà e come sta morendo la nostra
  » Decadenza e immigrazione
  » Mezzogiorno moderno e capitalismo
  » Miseria della mafiologia
  » Mezzogiorno e Italia nell'Europa del 1992
  » Sud, debiti e gabelle
  » Il processo di industrializzazione
  » Uffici, difesa e corpi rappresentativi nel Mezzogiorno in età spagnola
  » Il regno di Napoli nei secoli XVI e XVII

 


Banditismo nel Mezzogiorno d'Italia tra Rinascimento e Barocco


Francesco Caracciolo: Banditismo nel Mezzogiorno d'Italia tra Rinascimento e Barocco
«Si può dire che la povertà e le altre cause oggettive siano state le minori e non sempre cause determinanti del banditismo e di ogni forma di violenza. E ciò si può constatare anche osservando che in molte società e in molti paesi c’è e ci fu povertà, e spesso molta povertà, ma non banditismo e violenza. Più che l’enorme divario tra le fortune di pochi ricchi e l’estremo bisogno di molti poveri furono la prevalente arbitraria condotta e la disinvolta violazione delle leggi che produssero disperazione, malessere sociale, reazione e ribellione. E l’arbitraria condotta non fu solo di pochi privilegiati, baroni e benestanti, ma fu anche di mercanti, di ufficiali e magistrati, i cui eccessi e la cui corruzione resero insopportabile l’esistenza di gran parte della popolazione, e degli stessi prevaricati e sopraffatti i quali, quando furono in condizione di reagire, prevaricarono e sopraffecero, a loro volta, i più deboli di loro.»

Acquista >>>